Lifting del sopracciglio

Il lifting del sopracciglio (o lifting temporale) è una tecnica utilizzata nel caso di una caduta delle sopracciglia oppure quando si hanno le sopracciglia spioventi per natura e la presenza delle ben note zampe di gallina. L’obiettivo è quello di rendere meno vecchieggiante l’aspetto della regione palpebrale e meno affaticata l’espressione degli occhi, senza cambiarne la forma.

L’intervento di lifting del sopracciglio é spesso eseguito in associazione con la blefaroplastica superiore e inferiore. Si procede a risollevare il piano muscolo-cutaneo della zona temporale, dopo aver effettuato un’incisione nascosta dall’attaccatura dei capelli.

E’ anche possibile ancorare in profondità al periostio la fascia muscolare in caso di un accentuato rilassamento: la tecnica è utilizzata per adeguare l’arcata sopraccigliare alle caratteristiche del viso.

Le cicatrici rimangono nascoste fra i capelli e risultano quindi invisibili. Di norma sono assai sottili, difficilmente reperibili anche sollevando i capelli. Talora nonostante sia stata utilizzata la massima cura nella sutura, con il passare delle settimane può verificarsi un loro progressivo allargamento, fino a qualche millimetro.

L’alternativa non chirurgica al lifting del sopracciglio é rappresentata dal trattamento mediante inoculo di tossina botulinica, il cui effetto è limitato a 4-6 mesi.